Africaland • Leggi argomento - uso del blocco centrale in salita ed in discesa

uso del blocco centrale in salita ed in discesa

Esperienze e consigli

Messaggioil 14/07/2020, 16:46

corsi et ricorsi storici.... :mrgreen:

che coefficiente di aderenza ha la neve, magari pressata? Diciamo 02,-0,3

che coefficiente di aderenza ha il fango argilloso bagnato? circa 02, 03


E quindi???

Chi si sognerebbe di scendere una discesa fangosa senza bloccare il centrale?? penso nessuno.

E perchè, a parità di coefficiente di aderenza, dovrebbe essere differente solo perchè si tratta di NEVE invece che FANGO??
fanfango
Avatar utente
 
Messaggi: 3976
Iscritto il: 05/12/2003, 16:47
Località: Varese

Messaggioil 14/07/2020, 20:18

Confermo roby65to e fanfango

Quello del video parte da un presupposto sbagliato... frenare, quel discorso varrebbe se tu scendessi in folle, o a frizione premuta sul ghiaccio! :shock:

Ma in quelle condizioni di scarsa aderenza devi usare principalmente il freno motore o manovra a due piedi, quindi ti serve il centrale bloccato, altrimenti basta che una ruota perda aderenza e voli via libero... :o
"LAND ROVER TURNING OWNERS INTO MECHANICS SINCE 1948"
crys76
Avatar utente
 
Messaggi: 374
Iscritto il: 09/08/2003, 19:31
Località: Sardegna

Messaggioil 14/07/2020, 20:42

maxtd5 ha scritto:Il secondo video spiega in maniera più che semplice e comprensibile il funzionamento del differenziale

Sull'uso del blocco in discesa.... dipende da troppi fattori, soprattutto dal grip delle ruote sul terreno e dallo spazio di fuga disponibile, dal peso della macchina.

Nel deserto su sabbia senza ostacoli e con vie di fuga infinite sempre bloccato anche in discesa

Su una strada innevata nostrana, in discesa, baratro alla tua sinistra dal quale chi va giù non torna più su, unico albero al fondo, solo soletto, con le tassellate e un bello stratino di neve/ghiaccio bello lucido mal tolta dallo spazzaneve sotto le ruote sta a voi valutare

Se mantenere bloccato quindi avere maggiore capacità frenante su più ruote a discapito di direzionalità nei tornanti e partenza del sedere sul dritto o avere maggiore direzionalità e che la macchina vada dritto nel senso di gravità ... Insomma quei momenti dove la 1° ridotta è troppo corta quindi slitti, la 2° ridotta è troppo lunga perchè vai fuori e allora usi la 2° ridotta con clima acceso per avere maggiore freno motore sperando nel grip Non so se mi sono spiegato :roll:

Su un part time classico non ti porresti il problema ma su integrale permanente si


Qui si va con centrale bloccato e ruote nel fosso :mrgreen:
Babbano
 
Messaggi: 2183
Iscritto il: 18/06/2012, 18:55
Località: Italia

Messaggioil 14/07/2020, 21:24

Su neve per me é diverso perché é piú infida

Bene o male su fango non mi é mai successo di trovarmi di colpo girato con il muso nel senso inverso al quale stavo percorrendo la strada..... senza aver fatto nulla.
Peraltro stavo andando al rallentatore e... meno male (sgrat sgrat )
Penso che su neve il cambio del coefficiente di aderenza fra il metro appena percorso e quello che si andrà a percorrere sia più repentino che su fango

Su fango mi é capitato di finire in fossati, di traverso o appoggiato contro una pianta o con i ponti appoggiati sul bordo stradaa ma mai cosí "di colpo" e senza preavviso ... praticamente tutte le mie piantate sono state errori miei o limiti fisici del mezzo coadiuvati da errori miei
saluti max.
maxtd5
Avatar utente
 
Messaggi: 1343
Iscritto il: 05/09/2005, 21:07
Località: torino

Messaggioil 15/07/2020, 8:09

maxtd5 ha scritto:Se mantenere bloccato quindi avere maggiore capacità frenante su più ruote a discapito di direzionalità nei tornanti e partenza del sedere sul dritto


ciao, la mia prima domanda rigurdava proprio questo aspetto. Quindi la tendenza del retrotreno a scodare è più facile che si verifichi con il centrale bloccato? Del resto io stavo percorrendo una starda asfaltata in leggera discesa con neve pressata e senza solchi. Quindi il centrale bloccato mi da una maggiore sicurezza dovuta al fatto che il freno motore agisce su entrambe gli assi e se una ruota dovesse perdere aderenza le due ruote dell'altro asse continuerebbere a "frenarmi" a scapito però di una maggiore tendenza di perdere il retrotreno.
Mi torna la similitudine delle situazioni citate dall'utente Fanfango se poi nella discesa fangosa ci fossero dei bei solchi, ancora meglio, così evitiamo di perdere il retrotreno.

Grazie a tutti, penso di aver capito :D :D

ennio
mavieni65
 
Messaggi: 160
Iscritto il: 03/07/2014, 7:14
Località: Firenze

Messaggioil 15/07/2020, 8:32

Il problema del retrotreno che scoda c'è, sopratutto in discesa per via del minor perso gravante, ma lo puoi controllare accelerando leggermente e molto gradatamente
"LAND ROVER TURNING OWNERS INTO MECHANICS SINCE 1948"
crys76
Avatar utente
 
Messaggi: 374
Iscritto il: 09/08/2003, 19:31
Località: Sardegna

Messaggioil 30/08/2020, 13:34

Mod Cut

REGOLE GENERALI art.1

1.6 Non quotare (riportare testo) di interi messaggi ai quali volete rispondere ma solo la parte che vi interessa, ridotta al massimo e senza firme o loghi, in questo modo si evita di rendere illeggibile un testo; in caso contrario lo staff o i moderatori cancelleranno l’intero messaggio. Non quotare MAI le fotografie, ne le firme, ne i loghi di firma.




Allora i consigli del video sono corretti, ricordatevi che la velocita fra asse pisteriore e avantreno sono diverse, dunque con il blocco al 100% si induce a un leggero scivolamento , duque idealmente un blocco 60 40 sarebbe l ideale in questa situazione per mantenere il massimo grip, quello che un blocco a frizioni o lsd puo fare.
"Solo chi non sa dove sta andando può arrivare lontano" O. Wilde
lastflight
Avatar utente
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 06/08/2017, 0:36
Località: Lucania

Messaggioil 30/08/2020, 18:27

????????????????????
fanfango
Avatar utente
 
Messaggi: 3976
Iscritto il: 05/12/2003, 16:47
Località: Varese

Precedente

Torna a GUIDA IN FUORISTRADA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti