Africaland • Leggi argomento - guidare sulla sabbia

guidare sulla sabbia

Esperienze e consigli

Messaggioil 06/05/2009, 8:15

ragazzi, non sapendo che piede usare sulla sabbia, ho aperto una discussione qua http://forum.fuoristrada.it/messages/18479/496889.html volevo sapere anche i vostri pareri e considerazioni. a fine topik c'è pure la mia esperienza personale. ciao luca
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 10:54

Luca, sarebbe carino riprendere il discorso qua, evitando il link esterno... Se hai bisogno di consigli spiega meglio di cosa hai bisogno.
Troverai sicuramente spunti interessanti.
Tanto per cominciare ti chiedo alcuni dettagli che ritengo molto importanti:
- il tuo Discovery Td5 ha il blocco del differenziale centrale manuale o è dotato del solo ETC di serie?
- che tipo di gomme hai?
- mezzo di serie o modificato?
- in che condizioni pensi di viaggiare per quanto riguarda il carico?
Carlo & GranPasso
cigipi60
Avatar utente
 
Messaggi: 5675
Iscritto il: 01/09/2003, 14:16

Messaggioil 06/05/2009, 14:13

ok. allora premetto che sono felicissimo di possedere un discovery2 td5, dotato solo di etc ( pultroppo land rover non produce piu il kit per bloccare il centrale)
nessuna modifica. nulla di nulla, ho solo delle stupide at come gomme: le wrangleer at m+s
dunque inizio con dire che gia una volta mi sono avventurato su spiaggia, e ci ho rimesso la frizione e il volano.
ma questo non è bastato a fermare la voglia di farci un giro.
ed ho chiesto delle informazioni riguardanti , i modi di approccio e quanto gas usare. il discovery3 con programma sabbia, skizza appena sfiori l'acceleratore.
chiedo: su sabbia bisogna essere il piu celeri possibile? ummm vabbe lasciamo perdere, rifaccio la domanda piu opportuna.
in base a quale criterio devo sgonfiare e usare il gas su sabbia? cioè ci sono dei parametri che mi obbligano a portate le gomme a 1 o a 0.5? mi serve sapere solo questo. il resto che non sapevo lho capito qualche sera fa:
preso da malinconia e noia, decido di andare in spiaggia ( di notte) la spiaggia in questione ( agnone bagni per chi la conosce) ha una sabbia davvero fina e molla. sgonfio le gomme e le porto a 1,5. faccio una prova ad entrare e poi ad uscire. tutto ok
decido allora di spalancare la 2 , ed entrare con motore gia in tiro. ma la troppa resistenza, mi impedisce di avanzare, metto in folle, appena fermo sgonfio ancora e scendo fino a 1. metto ridotte, faccio qualche metro indietro sempre sulla mia pista, e riparto in 3 sgasando. giu via fino alla 5a sempre ridotta.
velocità massima 55kmh. sento sempre resistenza, solo in un punto ho avuto l'impressione che la sabbia diventasse subito dura dura.
ora volevo sapere, ma come devo fare per raggiungere la velocità di galleggiamento? entro sulla sabbia come minimo a 50kmh oppure ho il rischi di ribaltarmi ?. e ancora, con quale criterio devo sgonfiare le gomme?.
ho percorso circa 1 km di spiaggia e sabbia molla molla, ho notato che in ridotta e spingendo a quelle velocità ,il riduttore fa un rumore strano, tipo i motorini elettrici degli avvitatori. ciao luca
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 14:16

cmq su sabbia si nota subito il limite del motore diesel, in v8 ti permette di allungare le marce piu del diesel e penso che in queste occasioni faccia davvero tantissima differenza
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 15:40

Beh, certo che più il mezzo è sovramotorizzato meno problemi ci sono, su questo non ci piove... I cavalli ma specialmente l'erogazione della coppia costituiscono la chiave di volta della situazione. Ma per fortuna si può rimediare, almeno fino ad un certo punto...
Certo, un Disco3 ha un bel motore, a prescindere dal "programma sabbia" che può peraltro essere impostato facilmente anche sulla più sofiticata delle centraline, la tua testa! ;)
Scherzi a parte, è fondamentale capire che il più è esperienza, come in quasi tutte le cose a questo mondo.

Premetto che ognuno ha le sue idee,matura l proprio stile di guida, si adatta al mezzo che ha ed all'ambiente circostante, non prendere come oro colato tutto ciò che la gente (me compreso) scrive... ;)

Ma andando nell'ordine:
- il blocco del differenziale centrale sul Discovery Td5 è quello che fa veramente la differenza. Provato per esperienza personale... l'ETC su sabbia fa quello che può, cioè poco. Costringe ad una guida tesa e nervosa che è l'esatta negazione di tutto ciò che troveresti scritto nel manuale del buon sahariano di lungo corso...
Il consiglio è di verificare se il tuo riduttore è predisposto al blocco (dipende dall'anno del mezzo, hai un profilo estremamente carente che non consente di dedurre niente...): se lo fosse, ti consiglierei vivamente di sfruttarlo collegando il comando relativo per poterlo usare, altrimenti puoi prendere spunto dalle tante discussioni presenti sul forum che hanno affrontato e spesso risolto questo problema. Con il blocco del centrale, l'ETC ed un po'd'esperienza andrai ovunque.

Senza il blocco la guida del Discovery Td5 su sabbia non ammette varianti: pedale a fondo corsa, nervi saldi, molto occhio nel valutare a priori ogni passaggio: con quello stile di guida non c'è altro che si possa fare...

Con il blocco le cose cambiano, la guida diventa più delicata, rilassante, rispettosa per ambiente, motore, meccanica, piloti, passeggeri...
Tutto diventa più plausibile e facile, anche l'erogazione di coppia del Td5 di serie, anche l'uso delle marce lunghe.

Come valutare il fondo e quindi scegliere rapporto giusto ed andatura? Esperienza, osservazione del fondo, esame visivo di tracce già presenti o del veicolo che ti precede. All'inizio, se andrai come penso con altri, i più esperti dovrebbero essere in grado di aiutarti utilizzando il CB.

Quando non ti riesce un passaggio o quando ti si pianta il veicolo in piano, mai insistere. Provare a mettere la retro, se il mezzo è bloccato prova con le ridotte ma scavando il meno possibile. Se la macchina non esce da sola non ti fare aiutare con le strop, è il metodo più barbaro che esista, l'ultima spiaggia insomma... Pericoloso (specie se non hai ganci e grilli ben dimensionati) e irrispettoso per i mezzi. Si può uscire quasi sempre senza queste tecniche.
Se puoi ancora sgonfiare procedi con quella tecnica (la migliore), altrimenti prova a liberare le ruote dalla sabbia e riprova.

Nei traversi il problema è più serio: scavare potrebbe essere pericoloso, ma qualcosa ti inventerai sul momento! ;)

L'uso delle piastre da sabbia può essere una buona soluzione, ma spesso basta liberare le ruote, una spintarella e via.
Negli ultimi viaggi non ho mai usato piastre pale strop ecc. , tutto a mano, quasi sempre senza neppure scendere. Ed io viaggio extra carico...

La pressione delle gomme: quando vai su sabbia sgonfia subito, inutile provare senza, la macchina si pianta come un ferro da stiro lanciato.
Se il percorso è facile e/o con terreno misto (tratti sabbiosi alternati ad altri sassosi) allora conviene sgonfiare ma senza esagerare: una pressione che può essere compresa tra 1,2 ed 1,5 bar. Guida con dolcezza evitando brusche accelerazioni o sterzate specialmente sul duro.
Raramente occorre sgonfiare sotto 1.0 bar: meglio evitare esagerare, potresti stallonare. Se proprio serve scendi a 0,8 ma rigonfia appena possibile

Ridotte: si usano solo in casi particolari, come ripartire dopo insabbiamenti o in tratti dove non c'è spazio per prendere il giusto abbrivio con le lunghe, ma con la pratica l'uso si riduce veramente praticamente alle sole partenze.

Progressione su spianate caratterizzate da sabbia molle: è una morte, la macchina sembra incollata e fatica a prendere velocità e planare. Qui la potenza del mezzo la fa da padrona... Ma con le gomme sgonfie al punto giusto anche un Td5 di serie se la cava egregiamente, magari non volerà a 120 km/h come fanno i grossi bidoni a benzina da 4 litri e passa di cilindrata ma... si va, ed è ciò che conta.

Ingresso nelle zone sabbiose in velocità: se ci cono canali, tracce scavate da precedenti passaggi, la macchina tende ad infilarsi nei binari. Spesso può iniziare a sbandierare perché la gomma tocca i bordi delle rotaie sabbiose, la sensazione in velocità non è bella. Guida dolcemente senza tentare di forzare troppo lo sterzo, asseconda i movimenti senza pretendere di guidare su una traiettoria tua.
Se invece la zona è linda o con tracce poco evidenti è tutto più facile, il mezzo rallenta e basta, ma in velocità hai il tempo di reagire, scalare larcia se necessario, correggere velocità e triaiettoria...

Rumorosità riduttore: questo mi sembra stranuccio...

Se hai bisogno di altro chiedi pure, nei limiti della mia limitata esperienza...
Carlo & GranPasso
cigipi60
Avatar utente
 
Messaggi: 5675
Iscritto il: 01/09/2003, 14:16

Messaggioil 06/05/2009, 16:01

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Con un Discovery td5 cavalli ne hai a sufficienza per viaggiare spedito anche sulla sabbia, però devi avere assolutamente il blocco sul differenziale centrale altrimenti l'etc continua a tagliare e finisci come nella foto sopra.
Il Disco del mio amico è un automatico, e questo ha reso ancor più penosa la situazione, senza blocco con l'etc, sulla sabbia fresca non si muoveva. L'etc tagliava la potenza e quando sembrava prendere dopo poco iniziava a scavare. Riusciva a passare solo dove la sabbia era stata compattata dal passaggio delle nostre macchine.
Ultima modifica di Hunt! il 06/05/2009, 16:05, modificato 1 volta in totale.
Armando
Hunt!
Avatar utente
 
Messaggi: 1666
Iscritto il: 21/10/2005, 11:40
Località: Verona

Messaggioil 06/05/2009, 16:05

Dalla mia pochissima esperienza, col Td5 90 preferivo viaggiare con ridotte e marce alte che lunghe ma basse.
H166 HUE
ttqdf
Avatar utente
 
Messaggi: 1551
Iscritto il: 22/10/2003, 12:49

Messaggioil 06/05/2009, 16:17

... che poi la sabbia africana è pure ben altra cosa! Non ha nessuna coesione, è praticamente un fluido.
Affascinate vedere come i granellini scivola giù da una cresta di duna sospinti dal vento: sembra di vedere molecole d'acqua scorrere.

Altra cosa: una duna non ha mai la stessa consistenza girandole attorno: il versante sottoposto all'azione meccanica del vento dominante sarà sufficientemente compatto da sopportare il peso della macchina, il versante opposto sarà invece più ripido e con sabbia di riporto molto molle: il primo (meno ripido e compatto) andrà bene per salire, il secondo per scendere, ma non sarà mai possibile scavalcare la duna da quel lato (meno che non sia alta pochi metri).
Scendere da una duna sul versante molle è più facile di quanto non si possa immaginare: la macchina scivola giù lentamente accompagnata dal motore in lieve tiro (sempre marce lunghe, prima o seconda, dipende dalla pendenza), pronto per riprendere con l'acceleratore eventuali sbandamenti.
Le prime volte impressiona abbastanza, specialmente quando arrivi sulla cima ed il lungo muso del land ti lasciano vedere solo le nuvole... Ma se arrivi con il gas giusto ti fermi a muso in giu`in equilibrio ed hai il tempo di valutare la situazione.
Poi ci si prende gusto: il Duna Park! :mrgreen:

@ttqdf: in effetti anche io all'inizio usavo solo le lunghe della gamma ridotta. Poi un po' con l'esperienza, un po' con la mappatura giusta... le ridotte me le sono quasi completamente scordate...
Carlo & GranPasso
cigipi60
Avatar utente
 
Messaggi: 5675
Iscritto il: 01/09/2003, 14:16

Messaggioil 06/05/2009, 16:18

allora. ora perfeziono il profilo.
per la cronaca il mio discolo è anno 99 ed è predisposto al bloccaggio del centrale, 3 mesi fa ho ordinato il kit alla land rover. ma non arriva e da quanto mi ha detto un tizio inglese ( gli ho chiesto di comprarlo li e spedirmelo) il pezzo non lo fabbricano piu. quindi ashcroft.
l'etc non mi ha dato fastidio ,anche se non posso valutare la differenza con un blocco centrale, e poi sono sempre solo. non ho nessuno che viene con me con un altro 4x4. quindi culo e fortuna sono i miei migliori amici.
cmq bhe si certo anche se non sono andato oltre i 50kmh alla fine ho sempre percorso un kilometro di spiaggia davvero difficile, dove l'unico consiglio che ho ricevuto da gente esperta di off road riguardando quella spiaggia è stato: con quello davvero no. limitati alla strada. oppure io ho un renegade jeep preparatissimo ( davvero accipicchia che belva) ed io non mi ci avventuro in quella sabbia. bei consigli.
ricordo solo che quando mi ha piantato la frizione sulla sabbia, sono dovuti entrare a tirarmi. un tizio con un 4runner origginale, ha sgonfiato ed è entrato deciso. strops e via. nulla da fare. e poi la makkina restava in folle.
penso che sabato sera, firaccio un tentativo e provo ad entrare sempre con la stessa pressione di gomme 1. e con la terza lunga in tiro. vediamo che succede. alla fine esce, metto ridotte e torno indietro. anzi prima finisco il giro e magari provo a guidare meno nervosamente vediamo che succede.
dimenticavo di dire che l'etc non taglia l'erogazione, da pinzate di freni alla ruote che slitta ma il motore rimane sempre a tirare. anche io avevo il tc che lavorava sempre, e certo fa quello che puo ma è davvero un amico pesante, specie per i differenziali. ciao luca
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 16:24

hunt. da quello che vedo nelle foto mi pare strano che si pianti li. da me la sabbia è piu bastarda. sabato penso di fare delle foto e qualche video.
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 16:35

ciao...a parte il discorso guida su sabbia....
ma da te vi lasciano girare sulla spiaggia?

tornando in argomento...ma con le ridotte che velocità fate??? come fate a viaggiare su sabbia con le ridotte?? vi sparate tutto il mare di sabbia ai 55km/h? :o
MOSQUITO ROYALE
Att.ne lavorare sui mezzi da offroad è il mio lavoro; quindi valutate di testa vostra un eventuale conflitto di interessi
arkadia
Avatar utente
 
Messaggi: 7540
Iscritto il: 13/01/2004, 18:51
Località: Reggio Emilia

Messaggioil 06/05/2009, 16:46

tra le dunette tunisine anche in seconda ridotta e, ahimé :46 , piede sulla pancia.
H166 HUE
ttqdf
Avatar utente
 
Messaggi: 1551
Iscritto il: 22/10/2003, 12:49

Messaggioil 06/05/2009, 16:49

ah beh allora se parliamo di Tunisia ok...sulle dunette bastardine della Tunisia le ridotte affaticano meno la frizione
MOSQUITO ROYALE
Att.ne lavorare sui mezzi da offroad è il mio lavoro; quindi valutate di testa vostra un eventuale conflitto di interessi
arkadia
Avatar utente
 
Messaggi: 7540
Iscritto il: 13/01/2004, 18:51
Località: Reggio Emilia

Messaggioil 06/05/2009, 19:03

Luca,
visto che hai la fortuna di avere un disco con il blocco già predisposto nel riduttore, anche se non disponi del leveraggio per inserirlo dall'abitacolo, puoi molto facilmente inserirlo con una comune chiave del 10 da sotto la macchina. Fai prima delle prove, magari in garage o in cortile, per prenderci la mano. Questa soluzione è poco pratica su fango o neve, perche ci si sporca, ma su sabbia, se hai un telo, è quasi comodo.
Fai tutte le tue prove, così vedi le differenze con e senza blocco, e ricordati di disinserirlo quandi torni su strada.

Altro consiglio, se non trovi il comando originale, con una ventina di euro, puoi avere una soluzione che ti consente, tramite una chiave a brugola, di inserire il blocco da dentro. Puoi anche tenere il tutto nascosto sotto il tappetino di gomma di fianco alla leva delle ridotte, se non vuoi deturpare l'estetica.

Tieni anche presente che a seconda di come inserisci il blocco (con o senza il quadro inserito) puoi avere o non avere il TC attivo.

Buone prove e buon divertimento.
Per aspera ad aspreta
lonerider
Avatar utente
 
Messaggi: 1431
Iscritto il: 24/02/2009, 0:24
Località: bologna

Messaggioil 06/05/2009, 19:52

si lonerider, so gia tutto :lol: .
cmq se mi becca la polizia sono cavoli amari, ma dalle mie parti, piu che girare e guardarti storto non fanno altro. ciao luca
cmq si mi sono tirato tutto quel tratto di sabbia con le ridotte. ma scusa se con le lunghe fatica troppo, il problema dove sta? pressione gomme? io che nn spremo troppo? su ragazzi e datemi dei consigli.
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 20:13

I consigli li hai già avuti da cipigi che, molto dettagliatamente, ti ha spiegato che il problema è dovuto al TCS che frena le ruote e fa morire il motore.
Visto che "conosci già tutto", inserisci, con la chiave del 10 il tuo blocco, e vedrai che il disco terrà le marce lunghe con maggior facilità.

Non vedo che altri consigli ti si possano dare.

Ciao
Per aspera ad aspreta
lonerider
Avatar utente
 
Messaggi: 1431
Iscritto il: 24/02/2009, 0:24
Località: bologna

Messaggioil 06/05/2009, 20:22

però ragazzi che rottura ogni volta calarsi e schiavettare. mha quanto deve girare? questa è una cosa che nn so. xke tutte le volte che lo faccio, giro fino a quando si ferma, in abitacolo ho la spia accesa e il blocco avvolte funziona , altre volte non funziona. piu che altro non funziona. ho provato una volta sulla neve dove non siamo passati ne io ne un p38 preparato. attivo il blocco al mio solito, come affonda, avevlo le ruote davanti che giravano e dietro no. poi è intervenuto il tc e hanno girato pure dietro. mha tnt nn si passava.
lo stesso mi è capitato su rocce, tc non salivo. metto il blocco e lasciando la frizione la makkina sale senza fatica. dopo un po dinuovo senza blocco. eppure la spia è sempre accesa. dopo questo mi sono rotto le p....... e ho deciso di ordinarlo. ma non lo fanno piu.
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Messaggioil 06/05/2009, 20:28

@ discoluca,
il sistema per ovviare alla mancanza del comando a cavetto per il blocco c'è e consiste nel montare il comando del 200/300, che può essere adattato con minima difficoltà, ti assicuro che il risultato, dal punto di vista funzionale, è migliore di quello ottenuto con i cavetti.

Landsaluti

gian
....frustra fit per plura quod fieri potest per pauciora....
gian td5
Avatar utente
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 23/04/2007, 21:29
Località: Ronco Scrivia, ma non sempre

Messaggioil 06/05/2009, 20:34

discololuca ha scritto:hunt. da quello che vedo nelle foto mi pare strano che si pianti li. da me la sabbia è piu bastarda. sabato penso di fare delle foto e qualche video.

se non raggiungi una velocità di galleggiamento, senza centrale finisci così
Armando
Hunt!
Avatar utente
 
Messaggi: 1666
Iscritto il: 21/10/2005, 11:40
Località: Verona

Messaggioil 06/05/2009, 20:48

gian td5. tu hai fatto in questo modo?
da quello che so io, il leveraggio del 300tdi non è compatibile con il cambio del td5:
il problema sta nella emm non so come si chiama quindi la chiamerò, scocca del cambio, insomma la carcassa dove dentro c'è il cambio.
il problema sta li. nel 300tdi ci sono dei buchi dove va fissata, tramite bulloni se non sbaglio, la parte che gira il perno sul riduttore. bloccado l'astata sul cambio, dall'abitacolo, tirando verso sx il pomello, lastina ruota su se stessa ed attiva il blocco. nel td5, questi 2 buchi mancano. dovrei forare la carcassa del cambio, per poter montare il rinvio del 300 tdi.
se sbaglio dimmelo subito che se cosi fosse, sabato faccio sto lavoretto. ciao luca
saluti. luca
discololuca
Avatar utente
 
Messaggi: 534
Iscritto il: 27/11/2008, 18:30

Prossimo

Torna a GUIDA IN FUORISTRADA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite