Africaland • Leggi argomento - Quando non c'è tempo per pensare... Come avreste fatto?

Quando non c'è tempo per pensare... Come avreste fatto?

Esperienze e consigli

Messaggioil 07/01/2015, 18:04

Ragazzi, riporto brevemente la una piccola esperienza avuta ieri in fuoristrada. Stavo salendo su per le solite stradine sterrate che percorro sempre nelle mie zone, per far un po di fuoristrada ed andare sulla neve. Ero in una salita di buona ripidità, non un muro ma con la pendenza che si sente. A terra c'erano pochi cm di neve. Andavo su in 2a ridotta in modalità passeggiata con il centrale inserito e stavo chiacchierando con il co pilota tranquillamente. Di tanto in tanto durante il percorso, prima di giungere al luogo del fatto, sentivo piccole perdite di trazione, nulla di eccezionale, avanzavo tranquillamente come se niente fosse, però pensavo tra me e me: sarà normale, fango e neve a terra per forza deve slittare un po. Fino a che attacchiamo questa rampa di un 150 metri, fortunatamente è abbastanza dritta e senza curvoni, dirupo a destra e muro di terra a sinistra. Visto che salivamo di quota iniziavo a vedere solo neve a terra, ma roba di un 5cm, praticamente niente. Arrivati a 30 metri per spuntare sulla salita noto che iniziamo perdere trazione in maniera più significativa, "guida sempre da passeggio" e mi metto sugli attenti, circa un paio di metri dopo ci ritroviamo con le ruote che giravano in avanti e macchina ferma che inizia ad indietreggiare. Frizione, colpo di freno e la macchina parte a scendere, gli incastro la retro a volo, frizione su, via il freno ed accellero in maniera costante cercando di far riprendere trazione alle ruote ma quasi in vano, in tanto con lo sterzo correggo il muso che iniziava ad andare a sinistra e destra aiutandomi anche con l'accelleratore. Dopo quasi 100 metri fatti in scivolata non del tutto controllata, in retro e nella stradina, sento finalmente riprendere trazione. La faccio rallentare a giri motore nell'ultimo po che mi era rimasto prima della curva, freno, mi fermo, ed essendo vicino ad una mezza via di fuga, inizio a girare. Senza bloccaggi ai ponti non c'era verso di muovermi da dove mi ero fermato. Scendo a piedi, e.... sotto 1cm di neve c'è n'erano 4 di ghiaccio puro e duro, era impossibile andare a piedi dove ero passato in macchina, solo sul poco di neve si riusciva a non scivolare subito. Guardo la situazione e poco dopo riparto per scendere prima che facesse buio e le temperature calassero ancora. Non vi dico la discesa dopo, allucinante, la fortuna ha voluto che non salisse nessuno da giù per un chilometro buono di strada. Seconda ridotta, centrale bloccato chiappe strettissime e come provavo a vedere se potevo frenare partivo inesorabilmente. Fortunatamente non ho fatto danni ed è andata bene. Mentre nella discesa in retro, se ci fosse stato un'altro mezzo con me, credo proprio che avremmo fatto un macello. Voi come avreste affrontato la situazione?
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1564
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioil 07/01/2015, 18:11

Ti rispondo la prima cosa che mi viene in mente. Visto la ripidita farla prima a piedi e verificare forse avrebbe fatto bene alla scelta di procedere i desistere.
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5064
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 07/01/2015, 19:16

Una salita del genere in 2 ridotta mi sembra pochino. Io quella rampa l'avrei affrontata almeno in 3° ridotta deciso e pronto a schiacciare il pedale del gas contro il pavimento. E come dice Davidone, visto che era pure corta e a destra c'era il burrone io sarei sceso un attimo anche se immagino sia stato facile farsi ingannare dal sottile strato di neve..
"Un viaggio, se lo fai, fallo in Land Rover, altrimenti non ha neanche senso farlo !!!" (cit)
vespa4ever
Avatar utente
 
Messaggi: 2666
Iscritto il: 14/10/2009, 16:44
Località: Treviso

Messaggioil 07/01/2015, 19:22

Secondo me, dal momento in cui hai iniziato a scivolare indietro, hai gestito bene la manovra
geracera
Avatar utente
 
Messaggi: 1919
Iscritto il: 10/02/2010, 21:57
Località: ROSSANO

Messaggioil 07/01/2015, 19:28

Io ho il terrore del ghiaccio....
PierpaoloLoriga
Avatar utente
 
Messaggi: 3870
Iscritto il: 23/03/2014, 11:45

Messaggioil 07/01/2015, 19:31

geracera ha scritto:Secondo me, dal momento in cui hai iniziato a scivolare indietro, hai gestito bene la manovra


Concordo
PrincilandFansClub
Turibio ha scritto:Guarda che i forum, oltre che per scriverci, sono fatti anche per essere letti.
cero
Avatar utente
 
Messaggi: 2265
Iscritto il: 13/02/2009, 21:36

Messaggioil 07/01/2015, 19:37

Concordo
Spaz
Avatar utente
 
Messaggi: 205
Iscritto il: 07/09/2003, 23:39

Messaggioil 07/01/2015, 19:42

ti è andata bene anche perché (oltre ovviamente alla bravura di inserire la retro e gestirla) eri in retromarcia....se venivi giù di muso, il 90 ha la pessima, bruttissima,stronzissima abitudine di partire di culo....allora si che una braga di merda non te la leva nessuno.....
Molto prima di scorgere George vidi la nostra Land Rover..

“ma ora mi sentii profondamente commossa, nel vederla lì, davanti a me, con tutti i graffi e le ammaccature che Elsa le aveva lasciato.....”
nippur
Avatar utente
 
Messaggi: 4946
Iscritto il: 03/04/2012, 7:23
Località: Parma/Oristano

Messaggioil 07/01/2015, 20:24

tutte le volte che su una stradina esposta ho trovato ghiaccio "verde" ho sempre montato catene per proseguire (e spesso mi son preso delle paure lo stesso). Purtroppo non c'e' molto da fare. Tolto guidare con delicatezza e tenere l'auto sempre leggermente in trazione.
Ma qundo l'auto parte, non e' che si possa fare molto... se hai spazio correggi, se invece hai un dirupo.. ci caschi dentro..
....siamo zeppi di partenze intelligenti verso stupide destinazioni.....
sabbia
 
Messaggi: 1119
Iscritto il: 09/01/2010, 9:06

Messaggioil 07/01/2015, 20:32

Secondo me a parte lo spaghetto che hai preso, se non è successo niente significa che la tua manovra è stata sostanzialmente corretta, forse un'ispezione a piedi può risultare salutare e quindi consigliabile. .. ;)
Immagine
Ciao
90 TD5 My 2006 " Super Def " ( Project final storm )
29 Gennaio 2016 : fine di un mito, inizio di una leggenda
brunobis
Avatar utente
 
Messaggi: 7487
Iscritto il: 03/10/2011, 20:26
Località: Torino ovest
SOCIO AL

Messaggioil 07/01/2015, 21:17

Siccome anche io ho molta paura del ghiaccio, settimana scorsa prima di affrontare un pezzo di fuoristrada innevato (salita) l'ho perlustrato a piedi, e per fortuna, perché dopo il primo tornate diventava un lastrone di ghiaccio, perciò sono tornato alla macchina e ho messo le catene, fatta la salita mi sono accorto che il lastrone erano solo 50mt :shock:
Però meglio non rischiare!
Complimenti per come hai gestito la situazione, forse io avrei foderato il sedile di m@@@a :lol:
-STERRARE HUMANUM EST-
Chicco54
Avatar utente
 
Messaggi: 1077
Iscritto il: 11/10/2013, 22:09
Località: Salò-Lago di Garda-Brescia

Messaggioil 07/01/2015, 21:21

Ma che te frega Chicco. Tu c hai il roll!! Ahahah
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5064
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 07/01/2015, 21:32

Le manovre fatte sono state secondo me corrette, ma la domanda è; che pneumatici montavi?
verdone
Avatar utente
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 10/03/2010, 21:03
Località: Veneto

Messaggioil 07/01/2015, 21:35

Davidone ha scritto:Ma che te frega Chicco. Tu c hai il roll!! Ahahah


Si, ma devo venderla :lol: :lol: :lol:
-STERRARE HUMANUM EST-
Chicco54
Avatar utente
 
Messaggi: 1077
Iscritto il: 11/10/2013, 22:09
Località: Salò-Lago di Garda-Brescia

Messaggioil 07/01/2015, 22:19

Dai su....dimmi che vuoi prendere....su su...anche in mp che Son curioso... :mrgreen:
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5064
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 07/01/2015, 22:46

Questa è la foto della salita, scattata dopo a piedi, qui ero in cima, fate conto che mi mancavano una trentina di metri per arrivarci. Ahimè i segni delle altre auto mi hanno ingannato. Poi fin la ero andato senza alcun problema per questo non ho controllato a piedi. Se fossi stato in compagnia di altri mezzi e quindi con l'intento che saremmo dovuti salire, penso che sarei arrivato lanciato o in 3 o in 4 per affrontarla. Monto toyo Open Country M/T in 255. Grandi gomme. Mi chiedo, forse ho sbagliato ad inserire il centrale? avrei avuto qualche sentore in piu salendo sbloccato? o avrei solo rischiato di fermarmi in qualche curva prima peggiorando le cose? ... Comunque se dietro di me ci fosse stato qualcuno, sarebbe stato un macello.. Penso che i simulatori di auto al pc ed il leggere tanto e spesso come affrontare situazioni e manovre particolari siano stati veramente utili. Dimenticavo, tutto ciò in pochi attimi, dalla fermata alla scivolata... Il co pilota e i due dietro non hanno parlato almeno per 5 minuti dopo il fatto, hanno pensato solo a scendere quanto prima dal mezzo :? :shock:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1564
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioil 07/01/2015, 22:59

Comunque se l'arrivo era la metà finale, procedere con più velocita ti avrebbe aiutato. Tralasciando però tutte le conseguenze nel caso avessi trovato qualcuno davanti o dietro..
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5064
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 08/01/2015, 0:00

Secondo me il centrale hai fatto bene a bloccarlo anche perché altrimenti non saresti neanche riuscito a percorrere il tratto che hai fatto. ..
Immagine
Ciao
90 TD5 My 2006 " Super Def " ( Project final storm )
29 Gennaio 2016 : fine di un mito, inizio di una leggenda
brunobis
Avatar utente
 
Messaggi: 7487
Iscritto il: 03/10/2011, 20:26
Località: Torino ovest
SOCIO AL

Messaggioil 08/01/2015, 8:08

comunque spesso in montagna verso novembre capita di salire con il fango la sera, e tornare giu' il mattino dopo con tutto gelato.
Il fango diventa durissimo e le rotaie lasciate la sera prima diventano come binari.
Su pendenze forti c'e' poco da fare. Per essere sicuri bisogna avere ed ottenere aderenza tra ruota e strada. Diversamente tiri a sorte le conseguenze.
Secondo me, le variabili son talmente tante che per principio si possono suggerire solo alcune regole fondamentali. Ma l'esito di una perdita di aderenza resta legato all'esperienza e all'istinto del guidatore. Oltre che ad una buona dose di culo , naturalmente... :x
....siamo zeppi di partenze intelligenti verso stupide destinazioni.....
sabbia
 
Messaggi: 1119
Iscritto il: 09/01/2010, 9:06

Messaggioil 08/01/2015, 8:35

Non mi reputo un'esperto, ma dalla tua descrizione non condivido la scelta delle ridotte. Quando c'è neve o ghiaccio, io preferisco un'approccio più soft se la pendenza lo permette. Secondo me, e sicuramente qualcuno mi smentirà, è più facile riprendere il controllo. Serve molta più trazione per far girare le ruote con le marce ridotte. Cosa ne pensate?
"Sigarètt senza nomm e büceer senza storia
hann faa i ghirigori nella mia strana memoria
tatüagg invisìbil che me càgnen de nòcc
e una vita tiràda cumè un nastru de scotch..."
Peppone73
Avatar utente
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 20/02/2013, 10:17
Località: Provincia di Varese

Prossimo

Torna a GUIDA IN FUORISTRADA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite