Africaland • Leggi argomento - Info per ISLANDA in Agosto con 2x1 ( in moto )

Info per ISLANDA in Agosto con 2x1 ( in moto )

Notizie su Tour, Raid, Spedizioni organizzate e Fai-da-te

Messaggioil 26/02/2009, 13:53

Ho gia' letto e contattato Uainott, Muddymad & Marcotto per il loro viaggio islandese e che ringrazio nuovamente per la simpatia e le ulteriori info fornite.

Dato che ci andro' con il DIsco, ed al seguito avro' 10-20 moto ... mi servono delle informazioni sulla condizione delle strade in Agosto, sopratutto della parte nord ... che non mi ricordo come si chiama : e' quella penisoletta a nord-ovest che assomiglia vagamente ad un manina.

So che e' il periodo più caldo in cui si sciolgono i ghiacciai che così facendo si viene a creare ... un po' ... di fango.

Queste "strade" piu' o meno fangose sono percorribili tranquillamente con delle grosse moto da enduro tipo BMW GS ?

Cioe', finquando si val "dritto", ok , sono capace anch'io con la mia Africa Twin, tengo giu' i piedi e mi faccio 100Km in 5-6...10ore ... ma se mi trovo qualche dislivello tipo discesone ... salitone ... la vedo mooooolto male ... lo scopo del viaggio e' viaggiare senza farsi male ... altrimenti non ci si diverte piu'.

Percui prima di tracciare il percorso definitivo volevo sapere dove ci potrebbero essere questi tratti di salitone/discesone fangoso pericolosi per cercare di evitare il piu' possibile di passarci.

Denkiu'
ex Discovery II Td5 My03
Nissan Patrol Y61 ZD30 Luxury Wagon Automatico
Honda XRV 750 RD04 Africa Twin
Pedar
Avatar utente
 
Messaggi: 404
Iscritto il: 03/06/2008, 11:22
Località: Castano Primo ( MI )

Messaggioil 26/02/2009, 23:45

Ciao Pedar

Io ci sono stato l'anno scorso anche se non ho fatto la manina di nord ovest.

Ho fatto un giro abbastanza classico in senso antiorario seguendo il tracciato qua sotto.

iceland.JPG


Io della famosa 910 conosciuta anche come via dell'Askia (il nome in islandese è una cosa terribile...)ho fatto non la parte nord ma la parte sud,quella abbandonata:veramente eccezzionale.

Se hai bisogno contattami pure quando vuoi.

CIAO
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
SUPER P
 
Messaggi: 464
Iscritto il: 01/02/2006, 22:34

Messaggioil 27/02/2009, 1:04

Il periodo più caldo è dalla metà di luglio alla metà di agosto, ma questo non vuol dire disgelo a danno delle strade ma disgelo incanalato in letti di fiumi larghi, più o meno veloci e non profondi se si passa nei punti segnalati, e comunque è un processo che è iniziato da fine maggio.
Queste masse d'acqua inarrestabili dentro alvei naturali possono variare in 24 ore nel senso dell'impeto e quindi altezza, non tanto dal disgelo, ma dalla copiosità delle piogge che se dovessero cadere ininterrottamente per due o tre giorni fanno la vera differenza.
Tendenzialmente le piogge copiose e non quelle quasi giornaliere, arrivano dopo il 20/25 agosto alle prime perturbazioni date dalla alte pressioni che abbandonano quella zona del quadrante e che nel bene o nel male danno la stazionarietà dell'isola. Ma questa comunque è solo statistica.
Credo che qualsiasi moto da enduro possa comunque agevolmente passare ovunque nel quadro sopraesposto.
Questi canali d'acqua devono essere passati perchè molto spesso attraversano perpendicolarmente le strade.
Non si creano situazioni di fango esagerate, perchè la terra non è argillosa ed è molto drenante.
Discese e salite sono nella normalità del termine senza trovare situazioni da pista da motocross a meno che uno non se la vada a cercare.
Il vento può essere fastidioso.
Non si può pensare di attraversare il particolarissimo ecosistema vegetale e floristico islandese fuori dalle piste perchè non solo è proibito, ma anche fortemente sanzionato.
Una traccia lasciata da una gomma fuoripista impiega decine d'anni per essere ricoperta dai muschi e licheni data la loro proverbiale lentezza di crescita in terra d' islanda, che dura appena 4 mesi all'anno.
Detto così sembra esagerato, ma una volta lì non vince l'istinto selvaggio, ma si seguono le regole perchè si fanno proprie.
Le piste, e non l'asfalto di cui è fatto quasi totalmente il ring perimetrale, sono in tole ondule con sassi di medie dimensioni.
Le piste interne sono di sabbia lavica (nera) e rocce laviche sia tondeggianti e grandi, sia più acuminate e sottili.
Dipende dal tipo di lava e dalla anzianità dell'eruzione.
Anche qui, paletti di legno non proprio continui segnano la pista, ma in questo caso non si fanno danni all'ambiente ma bensì ai pneumatici.
Nelle piste di roccia lavica il pericolo può essere rappresentato dai buchi e dai cedimenti del terreno, visibili date comunque le velocità basse.
Queste piste sono solo all'interno verso il ghiacciaio perenne.
Ogni pista interna è numerata ed ha una data di apertura e tendenzialmente alla fine di giugno dovrebbero essere tutte aperte per quanto riguarda il tempo.
Alcune piste rimangono chiuse e non percorribili, perchè vecchie o di supporto, e se sono chiuse, sono chiuse.
Dalla carta qui di seguito si possono vedere le piste non asfaltate e che possono avere qualche difficoltà, dipende dalla pioggia.
Nel ring esterno passano anche i camper, e da un pò d'anni tendono o raggiungo Askia dalle piste nord.
piste interne.jpg


tabella.jpg


Per la parte Nord Ovest, le starde non sono considerate principali e sono molto tortuose considerte le scogliere, sono lente.
Non è possibile fare il periplo, perchè più a nord non ci sono strade. E' però possibile fare strade alternative.
Come piste interne si vede dalla crtina non ce ne sono, e più spesso vengono considerati raccordi di due starde più che piste vere e proprie.

Per darti un'informativa visva ti posto una cartina ad oggi dello stato delle strade prima generale e poi locale.
Considera che in quella generale tutte le principali starde si fanno in camper in luglio ed agosto, anche se adesso sono innevate o a traffico limitato.
Nella cartina locale si vedono starde chiuse o non percorribili o con ghiaccio perche c'è dislivello.
Ma è pur sempre una situazione di febbraio !!!!!
Personalmente non ritengo la parte Nord Occidentale particolarmente attraente, le piste interne sono di gran lunga più belle.

situazione attuale isalnda.gif
situazione attuale nord ovest.gif
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Pino
porcupine
Avatar utente
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 21/02/2004, 0:59
Località: Roma

Messaggioil 27/02/2009, 7:29

ciao, in bici in agosto abbiamo fatto in 2 dall'aeroporto Keflavik, la capitale, Pingvellir, i geyser e la F35 il Kyolur su fino a nord a Blonduos epoi siamo arrivati al fiordo piccolo Vatnsnes e arrivati aHvammastangi dove abbiamo preso il pullman x REy. Se vuoi info su clima prima di tutto, poi pensa alla strada.ciao.p.s. ho messo l'itinerario solo x dirti cosa conosco.ciao.marco
marcobonini
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 26/02/2009, 18:14
Località: CASTELVERDE-CREMONA

Messaggioil 16/05/2018, 6:04

porcupine ha scritto:Il periodo più caldo è dalla metà di luglio alla metà di agosto, ma questo non vuol dire disgelo a danno delle strade ma disgelo incanalato in letti di fiumi larghi, più o meno veloci e non profondi se si passa nei punti segnalati, e comunque è un processo che è iniziato da fine maggio.
Queste masse d'acqua inarrestabili dentro alvei naturali possono variare in 24 ore nel senso dell'impeto e quindi altezza, non tanto dal disgelo, ma dalla copiosità delle piogge che se dovessero cadere ininterrottamente per due o tre giorni fanno la vera differenza.
Tendenzialmente le piogge copiose e non quelle quasi giornaliere, arrivano dopo il 20/25 agosto alle prime perturbazioni date dalla alte pressioni che abbandonano quella zona del quadrante e che nel bene o nel male danno la stazionarietà dell'isola. Ma questa comunque è solo statistica.
Credo che qualsiasi moto da enduro possa comunque agevolmente passare ovunque nel quadro sopraesposto.
Questi canali d'acqua devono essere passati perchè molto spesso attraversano perpendicolarmente le strade.
Non si creano situazioni di fango esagerate, perchè la terra non è argillosa ed è molto drenante.
Discese e salite sono nella normalità del termine senza trovare situazioni da pista da motocross a meno che uno non se la vada a cercare.
Il vento può essere fastidioso.
Non si può pensare di attraversare il particolarissimo ecosistema vegetale e floristico islandese fuori dalle piste perchè non solo è proibito, ma anche fortemente sanzionato.
Una traccia lasciata da una gomma fuoripista impiega decine d'anni per essere ricoperta dai muschi e licheni data la loro proverbiale lentezza di crescita in terra d' islanda, che dura appena 4 mesi all'anno.
Detto così sembra esagerato, ma una volta lì non vince l'istinto selvaggio, ma si seguono le regole perchè si fanno proprie.
Le piste, e non l'asfalto di cui è fatto quasi totalmente il ring perimetrale, sono in tole ondule con sassi di medie dimensioni.
Le piste interne sono di sabbia lavica (nera) e rocce laviche sia tondeggianti e grandi, sia più acuminate e sottili.
Dipende dal tipo di lava e dalla anzianità dell'eruzione.
Anche qui, paletti di legno non proprio continui segnano la pista, ma in questo caso non si fanno danni all'ambiente ma bensì ai pneumatici.
Nelle piste di roccia lavica il pericolo può essere rappresentato dai buchi e dai cedimenti del terreno, visibili date comunque le velocità basse.
Queste piste sono solo all'interno verso il ghiacciaio perenne.
Ogni pista interna è numerata ed ha una data di apertura e tendenzialmente alla fine di giugno dovrebbero essere tutte aperte per quanto riguarda il tempo.
Alcune piste rimangono chiuse e non percorribili, perchè vecchie o di supporto, e se sono chiuse, sono chiuse.
Dalla carta qui di seguito si possono vedere le piste non asfaltate e che possono avere qualche difficoltà, dipende dalla pioggia.
Nel ring esterno passano anche i camper, e da un pò d'anni tendono o raggiungo Askia dalle piste nord.
piste interne.jpg


tabella.jpg


Per la parte Nord Ovest, le starde non sono considerate principali e sono molto tortuose considerte le scogliere, sono lente.
Non è possibile fare il periplo, perchè più a nord non ci sono strade. E' però possibile fare strade alternative.
Come piste interne si vede dalla crtina non ce ne sono, e più spesso vengono considerati raccordi di due starde più che piste vere e proprie.

Per darti un'informativa visva ti posto una cartina ad oggi dello stato delle strade prima generale e poi locale.
Considera che in quella generale tutte le principali starde si fanno in camper in luglio ed agosto, anche se adesso sono innevate o a traffico limitato.
Nella cartina locale si vedono starde chiuse o non percorribili o con ghiaccio perche c'è dislivello.
Ma è pur sempre una situazione di febbraio !!!!!
Personalmente non ritengo la parte Nord Occidentale particolarmente attraente, le piste interne sono di gran lunga più belle.

situazione attuale isalnda.gif
situazione attuale nord ovest.gif
Sempre dettagliato nelle spiegazioni se farò un viaggetto in Islanda per pescare ti porto come guida [WHITE SMILING FACE]

Inviato dal mio GT-I9301I utilizzando Tapatalk
stani
Avatar utente
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 12/06/2014, 20:10

Messaggioil 16/05/2018, 7:29

Pedar ha scritto:Ho gia' letto e contattato Uainott, Muddymad & Marcotto per il loro viaggio islandese e che ringrazio nuovamente per la simpatia e le ulteriori info fornite.

Dato che ci andro' con il DIsco, ed al seguito avro' 10-20 moto ... mi servono delle informazioni sulla condizione delle strade in Agosto, sopratutto della parte nord ... che non mi ricordo come si chiama : e' quella penisoletta a nord-ovest che assomiglia vagamente ad un manina.

So che e' il periodo più caldo in cui si sciolgono i ghiacciai che così facendo si viene a creare ... un po' ... di fango.

Queste "strade" piu' o meno fangose sono percorribili tranquillamente con delle grosse moto da enduro tipo BMW GS ?

Cioe', finquando si val "dritto", ok , sono capace anch'io con la mia Africa Twin, tengo giu' i piedi e mi faccio 100Km in 5-6...10ore ... ma se mi trovo qualche dislivello tipo discesone ... salitone ... la vedo mooooolto male ... lo scopo del viaggio e' viaggiare senza farsi male ... altrimenti non ci si diverte piu'.

Percui prima di tracciare il percorso definitivo volevo sapere dove ci potrebbero essere questi tratti di salitone/discesone fangoso pericolosi per cercare di evitare il piu' possibile di passarci.

Denkiu'
Ciao, io la "manina" l'ho fatta nel 2012 in moto con la mia ragazza senza alcun tipo di supporto. Quindi si fa, però in moto bisogna essere preparati. L'ho fatta entrando da sud dalle cascate dynjandi (non so se si scrive così) e una volta entrati a meno di non fare la strada a ritroso c'è una sola strada da percorrere fino a al secondo "dito" a nord e ti fai ogni singolo fiordo. Che io mi ricordi non ci sono villaggi ne stazioni di servizio ma magari ora è cambiato qualcosa e mi sembra di averci messo circa un giorno intero di guida ad andatura sostenuta. Ho usato le taniche aggiuntive che avevo. Guadi in quella zona è difficile vederne è più probabile che si formino cascate visto la conformazione dei fiordi.

Inviato dal mio TRT-LX1 utilizzando Tapatalk
sgari
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29/12/2014, 12:53
Località: Miradolium

Messaggioil 18/05/2018, 13:23

Ciao, premetto di essere un (purtroppo ormai ex) Giessista sfegatato. In Islanda sono andato con il Disco (e non ho rimpianti).

Gli sterrati che io farei sono solo i principali. Il problema più grosso sono i guadi, non tanto le condizioni delle strade. In alcune parti interne verso l'askja (mi pare si scriva così) c'è anche molta sabbia...

Personalmente mi limiterei alla ring road, "la mano" non l'ho fatta nemmeno io, però secondo me non dovrebbero esserci problemi.

Buona strada!

Maurizio
Disco 2 TD5
http://www.maurizioriva.it
Maurizio77
Avatar utente
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 15/10/2014, 11:35


Torna a VIAGGI & SPEDIZIONI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite