Africaland • Leggi argomento - da qui a là© - ovvero - fede, cuore e ragione di un viaggio

da qui a là© - ovvero - fede, cuore e ragione di un viaggio

Diari ed Appunti di Viaggio

Messaggioil 28/04/2014, 21:43

Ciao Ociodesoto.
Anche io quando devo andare a Lodi ho paura di finire fuori strada per qualche colpo di sonno.
Non penso stia nel confronto delle distanze il cuore del problema.
Come dicevo a Davidone, c'era talmente tanto da tenere sotto controllo che la noia non mi ha preso davvero mai.
Semmai la stanchezza.
È iniziata da metà Afghanistan. Me la sono tenuta fino a tutto l'Uzbekistan. Qualche settimana.
Arrivavo a sera asciutto.
Poi mi sono ripreso.
Attraversare la Romania infine è stata una specie di medicina. Campi senza separazioni artificiali, strade senza pannelli pubblicitari, lavori nei campi solo con forza animale, villaggi caratteristici e ricchi, persone amabili. Una specie di equilibrio. Anche la Macedonia era stata così.
Per tutto il viaggio ho naturalmente avuto la carota dello scopo finale davanti al naso e questo ha permesso la resistenza necessaria.
ekarrrt
ekarrt
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 30/06/2003, 10:42
Località: milano

Messaggioil 28/04/2014, 22:06

Direi perfetto!

Grazie! ;)
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5472
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 28/04/2014, 23:58

bello grazie se puoi/vuoi continua ;)
faustino
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 19/04/2014, 23:52

Messaggioil 29/04/2014, 13:59

Incalzato e incalzante.

Sui tre ispiratori.
Annemarie Schwarzenbach viaggiava con Ella Maillart.
Ford V8 Deluxe a 18 hp di proprietà di Annemarie.
Da Ginevra a Kabul. Tra1939 e il 40.
A Kabul si separano.
Ella continua per l'India, dove resterà qualche anno prima del rientro in Europa.
Annemarie rimane ancora poco in Afghanistan prima di rientrare in Europa via mare, dall'India
Annemarie è di stimata e benestante famiglia. Giornalista, scrittrice e morfinomane.
Morirà in un incidente ciclistico in Engadina non molti anni dopo il rientro.
Il suo viaggio è anche un tentativo di emancipazione dalla dipendenza.
Annemarie è stata sposata ma ha una forte tendenza omosessuale.
Anche se pare non ci sia stato rapporto carnale con Ella, c'è da pensare ne sentisse attrazione per il carattere militaresco della compagna.
Ella ha già compiuto un viaggio nel Turkestan, la regione che storicamente includeva il territorio dal Caspio al Pamir.
È molto motivata nei confronti di Christine, come Ella chiama Annemarie nel suo libro.
È convinta di poterla liberare dalla morfina e soprattuto da se stessa. Ritiene che le doti morali ed intellettuali di Annemarie lo meritino.
Non riuscirà nell'intento. Lo spirito di Annemarie è melanconico, solo in quello stato diviene creativa e profonda. Ma è anche lo stato più prossimo a convincere che la volontà è solo una circostanza.
Ella ha lo scopo di raggiungere il Kafiristan, attuale Nuristan. Ritiene che in quelle terre incontaminate dalla civiltà possa trovare le condizione a lei indispensabili per trovare l'equilibrio che è certa ci sia.

Nicolas Bouvier viaggiava con Thierry Vernet
Erano su una Topolino. Nel 1953.
Nicolas è scrittore. Thierry dipinge e fa acqueforti.
Il loro progetto è autofinanziarsi vendendo articoli e opere nei luoghi dove si fermano.
A Kabul si separano. Thierry vola a Ceylon. È d'accordo con la sua fidanzata Flo di sposarsi sull'isola.
Nicolas rimane ancora poco in Afghanistan.
Raggiungerà Thierry e Flo a distanza di pochi mesi, sempre in macchina.
Sia Nicolas che Annemarie, nel loro ultimo periodo afghano passano parte del loro tempo presso cantieri europei di scavi archeologici, entrambi a nord dell'Hindu Kush.

La via per Kabul - AS
Selezione di articoli scritti durante il viaggio.
Sono dedicati ai sentimenti di solidarietà verso i popoli e le donne dei paesi del viaggio; a riflessioni personali, al valore evocativo dei luoghi che attraversano.
Galleggia come probabilmente si sentiva galleggiare essa stessa su una realtà che non aveva branchie per frequentare in altro modo.

La via crudele - EM
Il libro non è scritto durante o poco dopo la fine del viaggio.
Sarà scritto dopo la morte di Christine.
Si avverte l'avanzare del viaggio, così come la competenza storica e territoriale.
Anche qui si trovano molte considerazioni personali sulla situazione politica europea in procinto della guerra.
Ella da l'idea di fare della disciplina la sua dote insopprimibile. Ammette però la sconfitta per non essere riuscita a modellare la personalità di Christine.
Un vomere nella terra della storia.

La polvere del mondo - NB
Come Ella e Annemarie, Nicolas e Thierry non avevo problemi di tempo. Non erano obbligati a far avanzare il viaggio.
In inverno rimasero infatti bloccati sei mesi a Tabriz, Iran, per l'impraticabilità della strade.
Nicolas riesce a tenere in poche righe quello gli uomini raccontano nelle loro sparpagliate vite.
Rende merito all'umano più che a qualche posizione che ad ognuno può capitare di prendere.
Annemarie galleggia, Ella solca, Nicolas sintetizza, provoca, ama.

Tutti e tre hanno il pregio di farci capire l'Europa e l'Asia, le diverse mentalità le diverse verità. In più punti, con le loro considerazioni, non faticano ad far arrossire i diplomatici e i politici di oggi. Un fatto che fa sospettare che l'evoluzione, così come la intendiamo normalmente, di fatto non sia possibile. L'esperienza - a parte quella tecnica - è intrasmissibile e questo comporta che la storia tenda a ripetersi, come se lei fosse l'unica verità.
ekarrrt
ekarrt
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 30/06/2003, 10:42
Località: milano

Messaggioil 30/04/2014, 14:41

..grazie per questa piccola parte di Sogno che ci regali....Spero che il libro si riveli, presto, una realtà ;)
Verteidiger
 
Messaggi: 2019
Iscritto il: 14/05/2012, 13:26
Località: tra Firenze e Prato

Messaggioil 02/05/2014, 9:21

Che la storia possa battere la tecnica di fatto neutralizzandola nel suo ripetersi nelle singole esperienze umane è un concetto che mi piace tantissimo.

Grazie davvero per lo splendido racconto che le foto, bellissime, arricchiscono significativamente.

Luca
Siamo tutti nati nel fango, ma alcuni di noi guardano alle stelle.
sberlax4
Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/02/2012, 12:42
Località: Genova

Messaggioil 02/05/2014, 10:18

Grazie a te.
Anche per aver raccolto un aspetto che se messo a filtrare le nostre osservazioni, costringe ad aggiornarne molte.

Se la storia fosse maestra così come spesso siamo soliti pensare, saremmo un’umanità saggia da molto.
Invece si osserva che secondo cicli dal ritmo autonomo tanto l’armonia quanto i contrasti sono il primo perenne sfondo sul quale ci muoviamo.
Come se i sentimenti di attrazione e repulsione sciamassero tra gli uomini, semplici terminali della natura costretti a rispettarli.
Forse la storia è solo un aspetto dell’equilibrio precario che la natura continua ad aggiustare per la propria sopravvivenza.

In qualche punto anche nel libro ne parlo.

Per Verteidiger.
Grazie a te. Il libro procede e ci sarà, non prestissimo.
ekarrrt
ekarrt
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 30/06/2003, 10:42
Località: milano

Messaggioil 07/08/2015, 14:31

Bello!!!
Me l'ero perso!
Grazie per averlo condiviso!

Ciao
Tratorin
Avatar utente
 
Messaggi: 1258
Iscritto il: 01/04/2010, 9:24

Messaggioil 26/12/2015, 19:55

Lorenzo Ekarrt ha voluto farmi una Strenna Natalizia inviando un filmato realizzato con la GoPro mentre guidava verso l'Afghanistan, me lo sono masterizzato da youtube e goduto guardandolo a pieno schermo in tv...

...mi sembrava di riconoscere i luoghi che vedevo nel video, anche se nei miei viaggi verso est non mi sono mai spinto così lontano :D

Vi consiglio di guardare il video e di vedere quant'altro pubblicato sul canale di Ekarrt

Ecco il collegamento a Essere Terra

LEGGETE fino in fondo il LINK che trovate sotto al mio AVATAR
ociodesoto
Avatar utente
 
Messaggi: 2273
Iscritto il: 03/11/2003, 1:01
Località: Trieste

Messaggioil 27/12/2015, 9:01

Bravo Lorenzo!!!

Ciao

Mauro
Mauro R.
Avatar utente
 
Messaggi: 177
Iscritto il: 19/07/2005, 8:26
Località: Ljubljana

Messaggioil 27/12/2015, 9:51

Grazie!!!!
"La fatica non è mai sprecata. Soffri ma sogni."
Pietro Mennea.
Davidone
Avatar utente
 
Messaggi: 5472
Iscritto il: 18/02/2010, 16:28
Località: Alba

Messaggioil 28/12/2015, 1:06

Molto bello il video, a parte il primo brano musicale, poco azzeccato IMHO..
eboati
 
Messaggi: 1171
Iscritto il: 05/06/2007, 14:50
Località: Bergamo, Italia e Ginevra, Svizzera

Messaggioil 28/12/2015, 6:30

Grazie a voi, apprezzo tutti i commenti, soprattutto le critiche.
Grazie Ociodesoto.
ekarrrt
ekarrt
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 30/06/2003, 10:42
Località: milano

Messaggioil 28/12/2015, 7:45

Bellissimo!
Grazie
Tratorin
Avatar utente
 
Messaggi: 1258
Iscritto il: 01/04/2010, 9:24

Messaggioil 28/12/2015, 9:22

davvero bello!! :3
Shadow - Defender 90 Td5
Al cor gentil rempaira sempre amore
SilvyCH
Avatar utente
 
Messaggi: 2078
Iscritto il: 19/02/2012, 14:24
Località: Lugano

Messaggioil 06/04/2016, 11:45

Mi era sfuggito. Grazie, parole che toccano il cuore e immagini stupende.
Umberto, il carriolon e la Regina
carriolon
Avatar utente
 
Messaggi: 7983
Iscritto il: 25/11/2003, 19:22
Località: Marcon (VE)

Messaggioil 06/04/2016, 12:57

grazie per la condivisione... ;)
Verteidiger
 
Messaggi: 2019
Iscritto il: 14/05/2012, 13:26
Località: tra Firenze e Prato

Messaggioil 06/04/2016, 14:06

Molto bello, grazie.
Salt
 
Messaggi: 875
Iscritto il: 14/05/2015, 7:37

Messaggioil 06/04/2016, 16:29

veramente bello...gli si addice anche un po' di rock vero... :D
sierra 1
 
Messaggi: 2468
Iscritto il: 23/05/2010, 14:48
Località: Esine Bs ...(x non confonderci sono bergamasco...)

Messaggioil 12/04/2016, 21:30

Grazie per la condivisione.... davvero bello !!

:5 :1 :1 :5
Sergio & Luca - Defender 110 TD5 SW MY 2002
Echis
Avatar utente
 
Messaggi: 382
Iscritto il: 18/04/2015, 1:20
Località: Lugano

Precedente

Torna a RESOCONTI DI VIAGGIO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti